Chi sono

Velies Thyrrens è la proiezione di me stesso sul web: GWM (gay white male), libero professionista, sono blogger dal 2005 per vanità e per risparmiare le spese dell'analista.

Ho cominciato Parole in Libertà un giorno di particolare disagio, al solo scopo di inventare qualcosa che mi distraesse da certi brutti pensieri; giorno dopo giorno il gioco si è fatto più interessante: sono cominciati i primi riscontri ed oggi il blog è diventato una piacevole abitudine (a quanto pare, non solo per me) pur restando un'attività assolutamente amatoriale e ludica: non fatevi trarre in inganno dall'aspetto professionale di queste pagine, qui non c'è nessun altro oltre me - almeno questo è quello che assicura il mio psichiatra :D

Alcune cose su di me che non sapete, e che non desideravate neppure sapere:

Non mi piace il pesce: per piacere risparmiatevi le reazioni indignate di chi vuole per forza iniziarmi ad un alimento paradisiaco (o dovrò a mia volta iniziarvi a qualcosa)...
Mi piacciono i Monty Phyton: li preferisco di gran lunga alla comicità approssimativa dello Zelig televisivo, che infatti non guardo e anzi mi dà pure un po' sui nervi. Life of Brian è una delle cose che mi fa più ridere in assoluto. Se non l'avete mai visto non potete dire di aver vissuto.
Mi piace Ray Bradbury, considerato uno dei padri della fantascienza moderna (con tipica definizione limitativa ad un solo genere): penso che a modo suo sia un genio, e vorrei essere capace di scrivere come lui.
Mi considero comunque una scrittrice, e pubblico i miei parti letterari sul blog: se vi sembrano troppo cupi e tormentati è perchè non trombo e l'umore ne risente.
Leggo con piacere, e non un genere in particolare, ma niente libri pallosi o punitivi.
Adoro Freddie Mercury, è una delle mie icone assolute: casa mia è piena di immaginette, e sono anche stato in pellegrinaggio alla tenuta di Garden Lodge, a firmare il muro perimetrale della casa (completamente inaccessibile).
Mi piacciono Nek, Tiziano Ferro e svariati altri, ma le loro canzoni non le ho mai sentite.
Evandro Soldati ventenne super top model brasiliano, è uno dei miei ideali di bellezza maschile e per lui ho sviluppato una vera e propria fissazione senile (qualche volta me lo sogno anche la notte - vedi l'osservazione sul fatto che non trombo).
Non farò lo stesso lavoro per tutta la vita. Appena potrò permettermelo pianterò barack and puppets (baracca e burattini) e allestirò un harem di ventenni in qualche località in cui le mie modeste risorse mi consentiranno di sembrare, in confronto, un nababbo.
Velies è un nome etrusco.
Non digerisco il fritto.

Direi che questo esaurisce quasi completamente l'argomento: adesso sapete tutto su di me :) Chi avesse qualcosa da chiedermi, o meglio ancora, delle proposte di sesso da farmi, mi contatti pure su


Nessun commento: